11/11 Ottobre 2019

Milano

FMEA – Failure Mode Effect Analysis

Garantire performances al prodotto e al processo produttivo

OBIETTIVI
Presentare gli aspetti teorici della metodologia FMEA come strumento di prevenzione di disagi tecnici e danni economici. Esercitare le misure di controllo adeguate al processo / prodotto
Intervenire tempestivamente secondo l’indice di priorità di rischio
Utilizzo di strumenti statistici per rilevare i dati in fase di progettazione

DESTINATARI
Tecnologi e Ufficio Tecnico
Progettisti senior e junior
Responsabili di Produzione
Responsabili di Prodotto
Quality Manager

I PLUS DEL CORSO
Durante lo svolgimento dell’incontro verrà fornita una check list organica di elementi fondamentali per l’applicazione della tecnica FMEA insieme a link ad altri strumenti affini. Il docente condurrà come moderatore ed esperto l’analisi critica di alcuni prodotti / processi dei partecipanti, evidenziando in sede di de-briefing plus, carenze progettuali e di gestione, assieme a possibili azioni di miglioramento.

DURATA – 1 GG

PROGRAMMA

La metodologia FMEA
Storia recente e applicabilità della metodologia in Azienda
Scomposizione del prodotto / processo / sistema in sottosistemi
Il “meccanismo” di guasto come fonte di indagine e speculazione
Possibili modi di guasto, possibili cause, effetti e controlli in essere

Due modalità di applicazione della FMEA
DFMEA e PFMEA per il progetto e il processo (interno o in fornitura)
Analogie e differenze. Esempi utili.
Come realizzare un team di lavoro FMEA efficace ed efficiente

Elementi distintivi
I “customer needs” e le funzionalità da garantire (variabili CTQ)
Modalità e criteri di individuazione dei guasti / utilità del post-Vendita
Responsabilità e organizzazione delle informazioni

Misure di controllo previste
Comprendere il “meccanismo” del guasto (potenziale o reale)
Evidenziare gli effetti e l’attuale propagazione a livello di “sistema” di effetti “locali” di guasto
Individuare le “cause”, le rispettive frequenze e focalizzare l’attenzione sulle azioni correttive
Individuare le “modalità di guasto” e la loro tassonomia aziendale
Individuare i “controlli” previsti (attuali e futuri)

Probabilità, gravità e rilevabilità di un guasto
Occurrence: frequenza di accadimento della causa (molto alta, alta, moderata)
Severity: indice di potenziale danno per il cliente (molto pericoloso, pericoloso, molto alto)
Detection: probabilità di individuare/prevenire la causa in esame con gli strumenti normalmente in uso nel processo (praticamente impossibile, molto difficile, rara)

RPN – Indice di priorità del rischio
RPN per evidenziare la gravità “totale” di un problema potenziale
Stabilire priorità di intervento grazie a soglie per RPN scelte ad-hoc
Le matrici di selezione, correlazione, di rischio
Azioni correttive e azioni preventive. Esempi utili.

FMEA di seconda generazione e links con altre tecniche progettuali
FMEA “classiche” e di seconda generazione a confronto
Creare norme di progettazione “snelle” grazie alle matrici di rischio
Migliorare le reali capacità di prevenzione


Informazioni sul corso

Il costo di iscrizione la corso è di € 500 + IVA

La sede del corso è in Via G. Zanella, 55 a Milano con orario 9 – 18.

Le edizioni del corso saranno confermate a raggiungimento del numero minimo di partecipanti con conferma comunicata 7 giorni prima della data di inizio.

Prossime edizioni

Milano, 31 gennaio

Milano, 17 aprile

Milano, 3 luglio

Milano, 11 ottobre

Milano, 9 dicembre


Iscrizione

Per maggiori informazioni scrivi a: segreteria.didattica@econsultant.it

Scarica scheda di iscrizione